Barletta

Castel del Monte Andria

Barletta-Andria-Trani è la provincia più giovane della Puglia. Situata tra il Golfo di Manfredonia e la Terra di Bari. Barletta e Trani si affacciano sull'Adriatico, mentre Andria è situata nella zona interna a ridosso dell’Alta Murgia che occupa gran parte del suo territorio.

Un paesaggio eterogeneo che vira dal blu intenso e dal turchese del mare - dove praticare snorkeling, surf e windsurf - al caratteristico verde della macchia mediterranea. Ampie distese di verde vengono improvvisamente interrotte da rocce candide, i boschi cambiano colore a seconda delle stagioni, reticoli di canali, un tempo solcati da fiumi, sono oggi tirati alla perfezione dalle colture dell'uomo.

A pochi chilometri da Andria, si trova l'imponente fortezza di Castel del Monte, esempio tra i più pregevoli di architettura sveva. Si tratta di un vero e proprio capolavoro voluto dal genio di Federico II di Svevia che ne seguì personalmente la progettazione. Proprio per la sua unicità è stato dichiarato da Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

A Trani merita una visita la Cattedrale dedicata a San Nicola Pellegrino, esempio di architettura romanica pugliese che rappresenta perfettamente la commistione di stili di epoche e culture diverse. Alcuni la considerano “Regina delle cattedrali di Puglia”, merito tra gli altri del suo portale finemente decorato chiuso da una splendida porta bronzea, opera di Barisano da Trani, e divisa in 32 formelle raffiguranti, ognuna, un personaggio biblico. Il campanile, edificato a più riprese in epoche diverse, presenta una serie di bifore, trifore e pentafore e termina con una cuspide ottagonale.

Barletta, famosa per la celebre Disfida del 1503, conserva molti edifici del periodo medievale come il Castello del XII sec., sede del Museo Civico, il Duomo di S. Maria Maggiore, costruito su un antico impianto romanico, il Colosso, imponente statua in bronzo del IV sec. e la Chiesa del Santo Sepolcro. A qualche chilometro da Barletta si trova la celebre Canne, teatro dello scontro tra l’esercito romano e quello cartaginese consegnato alla storia dalle parole di Tito Livio e Polibio.

Interessante dal punto di vista archeologico è l'area di Canosa, probabilmente il luogo che più di altri restituisce un compendio delle origini di questa terra. Resti di necropoli, di ambienti ipogei, mausolei nonché di numerosi reperti l'hanno resa il sito archeologico più importante della Puglia.

Questo territorio offre prodotti semplici, di terra e di mare. Vere e proprie perle gastronomiche della produzione tipica locale sono le cicorielle, gli asparagi di campo, la rucola selvatica, pesce azzurro, crostacei e molluschi come i ricci di mare e poi lei, la regina, la burrata. A completare questo viaggio nel gusto possiamo contare su vini di prestigio, tutti marchi DOC, quali Il Rosso Barletta, il Castel del Monte e il Moscato di Trani.